Al fine di sostenere la realizzazione di investimenti nel capitale di rischio di imprese con elevato potenziale di sviluppo, una quota delle risorse del Fondo per la crescita sostenibile, pari a euro

 50.000.000,00, è attribuita alla sezione del medesimo Fondo relativa alla finalità di cui di cui all’art. 23, comma 2, lettera b), del D.L. n. 83/2012, convertito L. n. 134/2012 e destinata alla concessione di un finanziamento all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. (Invitalia), che la medesima Agenzia impiega, unitamente a eventuali ulteriori risorse finanziarie proprie, per istituire un apposito fondo comune di investimento mobiliare di tipo chiuso,riservato a investitori istituzionali.
Lo stabilisce il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 29 gennaio 2015, recante “Interventi per lo sviluppo di piccole e medie imprese mediante investimenti nel capitale di rischio”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 112 del 16 maggio 2015.
Le quote del fondo comune di investimento possono essere sottoscritte, oltre che dall’Agenzia, anche da investitori istituzionali, individuati dalla medesima Agenzia attraverso una procedura aperta e trasparente.
La dotazione finanziaria del Fondo può essere altresì incrementata mediante l’utilizzo di risorse del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale disponibili per il periodo di Programmazione 2014 – 2020.
Il Fondo è istituito da Strategia Italia S.p.A. SGR e ha una durata massima di 10 anni a decorrere dalla data di chiusura della fase di sottoscrizione, con scadenza al 31 dicembre successivo al compimento del decimo anno.
Il Fondo interviene, prevalentemente, per finanziarie «investimenti successivi» in imprese già raggiunte da operazioni di «early stage financing».
Il Fondo investe esclusivamente nel capitale di rischio nelle piccole e medie imprese così come definite nell’allegato 1 al regolamento (UE) n. 651/2014, ivi incluse le «start-up innovative» di cui all’art. 25, comma 2, del D.L. n. 179/2012, convertito dalla L. n. 221/2012, operanti in settori ad elevato potenziale di crescita, ovvero che realizzano innovazioni nei processi, beni o servizi.
Con provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico saranno definite le modalità e i termini di trasferimento e restituzione delle risorse del Fondo per la crescita sostenibile, la misura delle commissioni riconosciute a Strategia Italia S.p.A. SGR, nonchè i contenuti e la tempistica delle attività di monitoraggio e controllo degli interventi del Fondo.

Per scaricare il testo del decreto clicca qui.