Pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 4 marzo 2016, la Delibera 24 febbraio 2016, n. 19520, con la quale la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) ha apportato “Modifiche al «Regolamento sulla raccolta di

capitali di rischio da parte di start-up innovative tramite portali on-line», adottato con delibera n. 18592 del 26 giugno 2013”.
Con tale delibera è stato approvato il nuovo regolamento sulla raccolta di capitali di rischio da parte delle Start-up innovative tramite portali online, modificando il precedente regolamento adottato con delibera n. 18592 del 26 giugno 2013.
La necessità di modificare il precedente regolamento è stata determinata dalle novità introdotte dal D.L. 24 gennaio 2015, n. 3, recante «Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti», convertito dalla legge 24 marzo 2015, n. 33, che, tra l’altro, ha esteso alle PMI innovative, agli organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) e alle società di capitali che investono prevalentemente in Start-up innovative e in PMI innovative la possibilità di effettuare offerte di capitale di rischio tramite i portali on-line.
Tale adeguamento ha riguardato principalmente l’ambito definitorio e la disciplina relativa alle informazioni da rendere al pubblico, tenendo conto delle specificità dei nuovi emittenti inclusi nell’ambito normativo soggettivo: quote o azioni di PMI innovative, di OICR e di società che investono prevalentemente in Start-up e PMI innovative.
Tra le novità principali si segnala la semplificazione della procedura. Le verifiche di appropriatezza dell’investimento rispetto alle conoscenze e all’esperienza dell’investitore potranno d’ora in poi essere effettuate dagli stessi gestori dei portali, purché risultino dotati di requisiti adeguati. Con ciò i gestori possono subentrare nel ruolo finora svolto dalle banche.
E’ stato, inoltre, ampliato il novero dei soggetti legittimati a sottoscrivere una quota dell’offerta in qualità di investitori professionali; sono state, infatti, ammesse due nuove categorie:
1) gli “investitori professionali su richiesta”, così come definiti dalla disciplina europea sulla prestazione dei servizi di investimento (MoFID); e
2) gli “investitori a supporto dell’innovazione”, identificati da Consob sulla base di criteri oggettivi, basati sui requisiti MiFID per gli investitori professionali su richiesta adattati allo specifico contesto di attività.

Per scaricare il testo della delibera CONSOB clicca qui.