l prossimo 3 marzo 2014 è la data di entrata in operatività del SISTRI per i produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi.

Dallo scorso 1° ottobre 2013, l’operatività del SISTRI ha riguardato i soli gestori, intermediari e commercianti di rifiuti speciali pericolosi e per i nuovi produttori.

Inoltre, la Camera dei Deputati lo scorso 17 febbraio, in fase di conversione in legge del D.L. n. 150/2013 (c.d. “Milleproroghe”), ha confermato l’operatività del SISTRI, stabilendo solo un ulteriore allungamento (fino al 31 dicembre 2014) del cd. “doppio binario”, ossia del periodo transitorio nell’ambito del quale i soggetti obbligati ad utilizzare il nuovo sistema di controllo dei rifiuti devono al contempo osservare anche le prescrizioni relative al tradizionale tracciamento degli stessi (registri di carico e scarico e formulario di trasporto), godendo parallelamente di una sospensione delle sanzioni relative al SISTRI.

I soggetti coinvolti, qualora rientranti tra quelli individuati dalle relative norme di settore, dovranno effettuare – entro il 30 aprile 2014 – anche la dichiarazione MUD (Modello Unico di Dichiarazione Ambientale) relativa ai rifiuti prodotti e movimentati nel corso del 2013.

E’ stata pubblicata, nel portale SISTRI, la versione aggiornata del “Quadro sinottico – Aspetti tecnici”, con novità per le procedure di variazione dati del delegato (parere del Concessionario n. 8), e le indicazioni del Ministero dell’Ambiente per sincronizzare i dispositivi tecnologici (sezione “domande frequenti”).