Tra i mezzi adibiti al servizio di noleggio con conducente per trasporto di persone elencati al comma 2 dell’art. 85 del Codice della strada, entrano “i velocipedi”.

A stabilirlo è l’art. 13-bis, comma 2, della legge 21 febbraio 2014, n. 9, di conversione del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, con il quale sono state dettate le prime misure urgenti per l’avvio del piano “Destinazione Italia”.

L’articolo, apportando modifiche all’art. 85 del Codice della strada, di cui al D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285, ai mezzi che possono essere destinati ad effettuare servizio di noleggio con conducente per trasporto di persone, ha infatti aggiunto “i velocipedi”.

I velocipedi – come stabilito all’art. 50 del Codice della strada – “sono i veicoli con due ruote o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 KW la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare.”.

Dunque, secondo quanto stabilito dal nuovo comma 2, dell’art. 85, del Codice della strada, d’ora in poi potranno essere destinati ad effettuare servizio di noleggio con conducente per trasporto di persone:

a) i motocicli con o senza sidecar;

b) i tricicli;

b-bis i velocipedi;

c) i quadricicli;

d) le autovetture;

e) gli autobus;

f) gli autoveicoli per trasporto promiscuo o per trasporti specifici di persone;

g) i veicoli a trazione animale.

Si ricorda che la carta di circolazione di tali veicoli viene rilasciata sulla base della licenza comunale d’esercizio.