Pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 167 del 21 luglio 2014, il decreto direttoriale 11 luglio 2014, che fissa i criteri e le modalità per il deposito per via telematica della traduzione in italiano delle rivendicazioni della domanda di brevetto europeo.

A decorrere dal 21 luglio 2014 sarà possibile effettuare il deposito per via telematica:

– della traduzione in italiano delle rivendicazioni della domanda di brevetto europeo (art. 54 del codice

della proprietà industriale);

– della traduzione in italiano, a scopo di convalida, del testo del brevetto europeo pubblicato (art. 56 del

codice della proprietà industriale) e

– delle istanze connesse per le quali non è previsto il pagamento di diritti di deposito.

Il deposito telematico dovrà avvenire secondo le modalità tecniche e le informazioni riportate nell’allegato 1, che fa parte integrante del decreto. Il deposito telematico potrà essere effettuato utilizzando l’applicativo predisposto dall’UIBM, previa  registrazione, su https://servizionline.uibm.gov.it.

In relazione a ciascun deposito telematico ultimato, il sistema informativo rilascerà una ricevuta di avvenuto deposito firmata digitalmente, nella quale sono riportati gli estremi di protocollo e tutti gli elementi della domanda prodotti tramite l’applicazione web.

La nuova modalità telematica si affianca a quella consueta cartacea, che continua ad essere disciplinata dal decreto ministeriale 13 gennaio 2010, n. 33 e successive modifiche e integrazioni. L’avvio del deposito telematico con il nuovo sistema delle domande e delle istanze connesse riferite alle altre tipologie di titoli della proprietà industriale sarà disciplinato con successivi decreti del Direttore Generale per la lotta alla contraffazione – Ufficio italiano brevetti e marchi del Ministero dello sviluppo economico.

Testo del decreto: http://tinyurl.com/n9ehnyj

Per accedere all’applicativo: https://servizionline.uibm.gov.it