la Conferenza Stato – Regioni, nella seduta del 07 luglio, ha approvato la revisione degli “Accordi – Intese” di seguito descritte:
 
1) “SANCITO ACCORDO” tra Governo, Regioni e Provincie autonome di Trento e Bolzano finalizzato alla individuazione della DURATA MINIMA DEI PERCORSI FORMATIVI per i responsabili e gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione, ai sensi dell’articolo 32 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni.

 
2) “Intesa” sullo schema del decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 15 giugno 2015, n.81, e 14 settembre 2015, nn. 148,, 149, 150, 151 ai sensi dell’articolo 1, comma 13, della legge 10 dicembre 2014, n. 183. 
 
Il nuovo testo non revisiona solo l’Accordo del 26 gennaio 2006, ma che contiene anche sensibili modifiche alla formazione di vari “attori” che hanno ruoli, a partire dai lavoratori, in materia di sicurezza, ma con precise indicazioni riguardo ai nuovi moduli, alla formazione pregressa, alle verifiche di apprendimento,  all’aggiornamento e ai crediti.
 Risulta inoltre che il testo contenga novità in ordine a:

– sistema di accreditamento;

– requisiti dei docenti nei corsi di formazione;

– condizioni per la formazione del datore di lavoro che svolga i compiti del servizio di prevenzione e protezione;

– riconoscimento della formazione del medico competente;

– formazione dei lavoratori somministrati;

– mutuo riconoscimenti dei progetti sperimentali in e-learning per la formazione specifica;

– possibilità dell’uso dell’e-learning per la formazione specifica;

– organizzazione dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Il testo dispone inoltre vari allegati che contengono, ad esempio, i requisiti della formazione in modalità e-learning e nuove indicazioni metodologiche per la progettazione ed erogazione dei corsi.

Non è ancora disponibile il testo ufficiale. Testo che dovrà poi essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale e avrà un breve periodo di “vacatio legis”,  il periodo che intercorre tra la pubblicazione di una legge sulla Gazzetta Ufficiale e la sua effettiva entrata in vigore. Vacatio legis che sarà probabilmente di 15 giorni.

A BREVE NELL’AMBITO DI SAFETY ACADEMY ORGANIZZEREMO UNA SPECIFICA ATTIVITA’ FORMATIVA DI APPROFONDIMENTO SUL TEMA.