Il Consiglio dei Ministri del 30 ottobre 2014 ha approvato il disegno di legge che conferisce al Governo la delega al recepimento delle direttive europee e all’attuazione di altri atti dell’Unione europea, previsto dalla legge n. 234 del 2012.

Tale recepimento deve avvenire a seguito della presentazione al Parlamento da parte del Governo di un disegno di legge annuale capace di offrire un quadro complessivo delle direttive e degli altri atti dell’Unione europea da trasporre nell’ordinamento nazionale.

Il disegno di legge di delegazione europea, approvato dal Consiglio dei Ministri del 30 ottobre, recepisce nell’ordinamento le più recenti direttive pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione e contiene principi e criteri direttivi per il recepimento di 42 direttive che intervengono su numerose materie.

Il disegno di legge comprende deleghe legislative volte tra l’altro ad attuare direttive e decisioni quadro, a disciplinare sanzioni per violazione di atti normativi dell’Unione, a dare vita a testi unici per il riordino e l’armonizzazione di norme in distinti settori, a modificare o abrogare norme statali per garantire la conformità dell’ordinamento nazionale ai pareri motivati o alle sentenze di condanna per inadempimento emesse dalla Corte di giustizia.

La Conferenza Stato Regioni ha espresso parere favorevole sul disegno di legge.

Per maggio informazioni:

http://www.politicheeuropee.it/comunicazione/19108/legge-di-delegazione-europea-2014