I detentori di sistemi antincendio contenenti sostanze controllate ai sensi del regolamento 1005/2009/CE, devono comunicare le quantità detenute entro il 30 settembre 2014, indicando l’ubicazione dell’impianto, la natura e la quantità della sostanza.

E’ quanto à stato stabilito all’art. 11, comma 5 della L. n. 116/2014, di conversione del D.L. n. 91/2014, che di fatto ha prorogato di ulteriori nove mesi il precedente termine ultimo (scaduto il 12 aprile 2014) fissato dal D.Lgs. n. 108/2013 (Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni derivanti dal regolamento 1005/2009/Ce sulle sostanze che riducono lo strato di ozono), per la eliminazione delle “sostanze controllate” contenute nei sistemi antincendio, compilando la scheda di cui all’Allegato 1 della legge in questione.

Le comunicazioni vanno inviate a:

– al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l’energia – Divisione IV Ricerca, Innovazione ambientale e mobilità sostenibile in ambito nazionale ed europeo – Via Cristoforo Colombo, 44 – 00147 Roma (RM),

e

– al Ministero dello Sviluppo Economico – Direzione generale per la politica industriale e la competitività – Divisione XV – Politiche ambientali – Via Molise, 2 – 00187 Roma (RM).

La sanzione penale prevista per chi non ottempera all’adempimento è quella dell’arresto fino ad un anno e dell’ammenda fino a 100 mila euro.