E’ stato presentato recentemente dal Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, Marianna Madia, il sito web “ItaliaSemplice”, iniziativa che si colloca nell’ambito delle azioni previste per l’Agenda per la

semplificazione 2015-2017 e che mette al centro la trasparenza.
Il sito web – frutto anche della collaborazione con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e dell’Unione delle Province d’Italia (UPI) – consentirà ai cittadini e alle imprese di verificare lo stato di avanzamento delle azioni dell’Agenda, di conoscere le novità e i risultati raggiunti e di offrire suggerimenti sulle attività in corso e sui nuovi interventi di semplificazione.
La sezione del sito “A che punto siamo” mostra, infatti, i risultati raggiunti e illustra lo stato di avanzamento di ciascuna delle azioni dell’Agenda, evidenziando eventuali scostamenti rispetto alla programmazione. In questo modo, i destinatari delle misure e, più in generale, i cittadini e le imprese possono seguire nel tempo gli interventi e verificarne l’effettiva attuazione.
Il sito, inoltre, ha un area dedicata alla consultazione (“Le tue proposte”) dove cittadini e imprese possono:
– segnalare complicazioni e fare proposte per arricchire l’agenda, che viene aggiornata periodicamente con nuovi interventi;
– commentare gli interventi in corso e segnalare le eventuali criticità e “buone pratiche” (le cose che non funzionano, le esperienze positive, etc.).
Ricordiamo che l’Agenda per la semplificazione 2015 – 2017 prevede un controllo stringente sul rispetto delle scadenze e degli impegni assunti, i cui risultati sono resi pubblici periodicamente mediante un rapporto di monitoraggio. In questo modo non solo le amministrazioni responsabili, ma anche i destinatari delle misure e, più in generale, i cittadini e le imprese sono messi in condizione di seguire nel tempo gli interventi e di verificarne l’effettiva attuazione.
Il monitoraggio dell’Agenda consiste nella rilevazione periodica dello stato di avanzamento di ciascuna delle azioni programmate (attività realizzate, cause degli eventuali scostamenti rispetto alle previsioni, ecc.). Le attività di monitoraggio sono curate dal Tavolo tecnico per la semplificazione sulla base dei dati comunicati dalle amministrazioni responsabili e delle informazioni fornite da cittadini e imprese.
L’Agenda prevede 37 misure, organizzate in 5 aree tematiche: Cittadinanza digitale, Welfare e Salute, Fisco, Edilizia e Impresa.
Per ognuna l’Agenda individua tempi di realizzazione, amministrazioni coinvolte e risultati attesi. E’ inoltre previsto un calendario dettagliato delle attività, che fissa, per ciascuna misura, precise scadenze e responsabilità.