E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 29 Ottobre 2015, il decreto 22 luglio 2015, con il quale è stato istituito, presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, il registro unico dei controlli ispettivi (RUCI)

sulle imprese agricole, integrato nell’anagrafe nazionale delle aziende agricole attraverso il SIAN.
Nel RUCI affluiranno i dati concernenti i controlli effettuati, da parte di organi di polizia e dai competenti organi di vigilanza e di controllo e degli organismi pagatori, nonchè da organismi privati autorizzati dalle vigenti disposizioni allo svolgimento di compiti di controllo a carico delle imprese agricole.
I registri unici di controllo istituiti dalle Regioni e dalle Province autonome di Trento e di Bolzano o dagli organismi pagatori alimenteranno il RUCI con le informazioni in essi contenute.
Il RUCI alimenta i registri unici dei controlli regionali ove istituiti.
Il pubblico funzionario incaricato dell’esercizio dei controlli ispettivi potrà verificare, attraverso il RUCI, le informazioni pertinenti e non eccedenti riconducibili alla propria competenza, al fine di evitare duplicazioni e sovrapposizioni nei procedimenti di controllo e di recare il minore intralcio all’esercizio dell’attività d’impresa.