Con i decreti del Ministero dello Sviluppo Economico, datati, rispettivamente, 16 e 17 ottobre 2014, pubblicati entrambi sulla Gazzetta Ufficiale n. 248 del 24 ottobre 2014 ed in vigore dal 25 ottobre 2014, sono state dettate le disposizioni attuative dell’art. 26, del D.L. n. 91/2014, convertito dalla L. n. 116/2014 (c.d. “Decreto Competititivtà”), il quale aveva previsto da un lato la revisione delle modalità di pagamento delle tariffe incentivanti per l’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici ai sensi dell’art. 25, comma 10, del D.Lgs. n. 28/2011 e dei successivi decreti attuativi (I, II, III, IV e V Conto Energia), e dall’altro la rimodulazione delle tariffe incentivanti gli impianti fotovoltaici.

Il decreto 16 ottobre 2014 attua la previsione di cui all’art. 26, comma 2, del D.L. 91/2014 – il quale ha previsto che a partire dal secondo semestre 2014 il GSE eroghi il 90% dell’importo complessivo annuale della tariffa, calcolato sulla base della producibilità media annua stimata di ciascun impianto, in rate mensili costanti, ed il successivo conguaglio, da calcolarsi sulla base della produzione effettiva, entro il30 giugno dell’anno successivo a quello in cui la produzione di energia è stata registrata – dettando le modalità operative e per il ricalcolo degli incentivi, sia in acconto che a conguaglio.

Il decreto 17 ottobre 2014 attua la previsione di cui all’art. 26, comma 3, lettera b), del D.L. 91/2014, il quale ha previsto, tra le varie opzioni a scelta del produttore per la rimodulazione delle tariffe incentivanti, il mantenimento del periodo di erogazione ventennale, a fronte di:

– una riduzione dell’incentivo per un primo periodo;

– un corrispondente aumento dello stesso per un secondo periodo.

Per accedere al sito del GSE :

http://www.gse.it/it/salastampa/news/Pages/Fotovoltaico-pubblicazione-delle-tabelle-dei-fattori-moltiplicativi-per-rimodulazione-tariffe-incentivanti.aspx