Con la pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale n. 175 del 30 luglio 2015, del D.M. 19 giugno 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fissato le condizioni, i termini e le modalità di applicazione del credito di imposta in favore

degli enti di previdenza obbligatoria e delle forme di previdenza complementare. Con lo stesso decreto sono state individuare le attività di carattere finanziario a medio e lungo termine nelle quali i medesimi soggetti devono effettuare i loro investimenti al fine di usufruire del credito (art. 2).
Le disposizioni dettate sono attuative del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo di cui all’articolo 1, commi da 91 a 94, della legge n. 190 del 23 dicembre 2014 (Legge di Stabilità per l’anno 2015).
Con riferimento alle modalità e ai termini di riconoscimento e fruizione del credito di imposta, si prevede l’inoltro, in via telematica, da parte dei soggetti beneficiari dell’agevolazione, di un’apposita istanza formulata secondo il modello che verrà approvato con un apposito provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Testo del Decreto in Gazzetta Ufficiale: 

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2015-07-30&atto.codiceRedazionale=15A05901&elenco30giorni=false