E’ stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea n. L 74/65 del 14 marzo 2014, una Raccomandazione della Commissione del 12 marzo 2014, che si prefigge un duplice obiettivo:

1) incoraggiare gli Stati membri a istituire un quadro giuridico che consenta la ristrutturazione efficace delle imprese sane in difficoltà finanziaria;

2) dare una seconda opportunità agli imprenditori onesti, promuovendo l’imprenditoria, gli investimenti e l’occupazione e contribuendo a ridurre gli ostacoli al buon funzionamento del mercato interno.

Riducendo tali ostacoli, la raccomandazione mira in particolare a:

a) diminuire i costi della valutazione dei rischi connessi agli investimenti in un altro Stato membro;

b) aumentare i tassi di recupero del credito;

c) eliminare le difficoltà di ristrutturazione dei gruppi transfrontalieri di imprese.

La presente raccomandazione contempla norme minime in materia di:

a) quadri di ristrutturazione preventiva, e

b) liberazione dai debiti degli imprenditori falliti.