Il decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali del 5 dicembre 2014, assunto di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, ha confermato per l’anno 2014, nella misura

dell’11,50 %, la riduzione contributiva a favore delle imprese edili, introdotta dall’articolo 29 del decreto legge n. 244 del 23 giugno 1995, convertito con modificazioni dalla legge 8 agosto 1995, n. 341, e successive modifiche e integrazioni.
L’INPS, con la circolare n. 75 del 10 aprile 2015, dopo aver riepilogato la normativa che regola la materia, ha fornito le indicazioni operative.
Il beneficio consiste in una riduzione sui contributi dovuti – nella misura dell’11,50% – per le assicurazioni sociali diverse da quella pensionistica e si applica ai soli operai occupati 40 ore a settimana. Non spetta, quindi, per i lavoratori a tempo parziale.
Hanno diritto all’agevolazione contributiva i datori di lavori classificati nel settore industria con i codici statistici contributivi 11301, 11302, 11303, 11304 e 11305 e nel settore dell’artigianato con i codici statistici contributivi 41301, 41302, 41303, 41304 e 41305, nonché caratterizzati dai codici Ateco 2007 da 412000 a 439909.
L’INPS ricorda che non costituiscono attività edili in senso stretto – pertanto sono escluse dalla riduzione contributiva in questione – le opere di installazione di impianti elettrici, idraulici ed altri lavori simili, contraddistinte dai codici Ateco 2007 da 432101 a 432909 e dai codici statistici contributivi 11306, 11307, 11308, 41306, 41307, 41308, sempre accompagnati dai codici di autorizzazione 3N e 3P.
L’incentivo non spetta per i lavoratori che consentono di godere di altre agevolazioni contributive.
Le istanze finalizzate all’applicazione della riduzione contributiva relativamente all’anno 2014 devono essere inviate esclusivamente in via telematica avvalendosi del modulo “Rid-Edil”, disponibile all’interno del cassetto previdenziale aziende del sito internet dell’INPS, nella sezione “comunicazioni on-line”, funzionalità “invio nuova comunicazione”. 

Per scaricare il testo della circolare INPS clicca qui.

Per scaricare il testo del decreto ministeriale clicca qui.