In occasione dell’Assemblea Nazionale della CNA, dello scorso 29 novembre, si è stretta un’importante intesa tra la stessa CNA, Amazon, Google, Seat Pagine Gialle e la partecipazione del CNR. DigItaly, il progetto al centro dell’intesa, definisce un percorso di digitalizzazione per le micro e piccole imprese tradizionali e prevede una serie di incontri sul territorio, in stile BtoB, con le aziende cosiddette digitali.

 

Gli incontri organizzati da CNA, in accordo con gli importanti partner dell’iniziativa, mirano a fornire skills formativi, indicazioni e suggerimenti per aiutare le piccole imprese a meglio posizionarsi nel mondo del web e affrontare i mercati esteri.

Il sesto continente, quell’universo di utenti, sempre crescenti, che utilizzano le nuove tecnologie per acquistare prodotti di qualità, è sempre più in cerca di Made in Italy.

Dai dati di Google emerge che nell’ultimo anno le ricerche mondiali su web di Made in Italy sono aumentate del 15% rispetto all’anno precedente. La piccola impresa italiana ha dei margini di crescita elevati, soprattutto in termini di internazionalizzazione delle produzioni va sostenuta in un processo di sviluppo che puó produrre enormi benefici per l’intero paese.

DigItaly va in questa direzione, nel supportare la digitalizzazione dell’impresa italiana, quella meno orientata ai nuovi strumenti e processi, attraverso l’incontro con grandi player internazionali pronti a sostenerle in tali obiettivo.

CNA è felice di annunciare questo importante intesa e l’avvio delle attività previsto per i primi mesi del prossimo anno. L’ambizione è quella di realizzare 50 eventi di contaminazione e business match su tutto il territorio nazionale.

Erano presenti, oltre al Presidente CNA Daniele Vaccarino, (seguendo la foto) Paolo Portioli (Direttore Marketing Seat PG), Domenico Laforenza (Direttore Istituto Informatica e Telematica CNR), Martin Angioni (Amministratore Delegato Amazon Italia) e Diego Ciulli (Senior Policy Analyst Google).