A partire dalle ore 12.00 del giorno 10 giugno 2015 sarà possibile presentare domanda di agevolazioni a valere sul Contratto di sviluppo, come disciplinato dal decreto del Ministro dello

Sviluppo Economico 9 dicembre 2014.
Le domande di agevolazioni dovranno essere presentate all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.A. – Invitalia, a pena di invalidità, secondo le modalità ed i modelli indicati nell’apposita sezione dedicata ai Contratti di sviluppo del sito internet dell’Agenzia medesima.
Lo stabilisce il decreto del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello Sviluppo economico del 29 aprile 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 110 del 14 maggio 2015.
Il contratto di sviluppo è uno strumento agevolativo “negoziale” dedicato al sostegno di investimenti strategici ed innovativi di grandi dimensioni.
Ha l’obiettivo di favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo di filiere, il riposizionamento competitivo dei tradizionali settori di specializzazione, l’attrazione degli investimenti esteri, con la creazione di reti di imprese e la promozione di investimenti in ricerca industriale e sviluppo sperimentale.
La dotazione finanziaria iniziale dello strumento è di 250 milioni di euro, provenienti dal Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020.
I fondi saranno destinati per l’80% al Mezzogiorno e per il 20% alle regioni del Centro-Nord.
A questa dotazione si potranno aggiungere ulteriori risorse derivanti dalla programmazione comunitaria e nazionale 2014-2020.
Le domande di agevolazioni dovranno essere presentate all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.A. (Invitalia), a pena di invalidità, secondo le modalità ed i modelli indicati nell’apposita sezione dedicata ai “Contratti di sviluppo” del sito internet dell’Agenzia medesima.

Per scaricare il testo del decreto clicca qui.

Per scaricare la modulistica necessaria clicca qui.