>> FONDI ESAURITI – BANDO A SPORTELLO CHIUSO <<

Pubblicato il nuovo bando della Regione Veneto per la concessione di agevolazioni a progetti che coinvolgono imprese e organismi di ricerca veneti ed europei. Di seguito la scheda sintetica del bando.

DGR 632 del 07.05.2013 (BUR n. 44 del 24.05.2013)

Bando “a sportello” per il finanziamento di progetti che coinvolgono imprese e organismi di ricerca veneti ed europei. 

La scheda ha carattere sintetico ed indicativo.

Come previsto dal DDR n. 10 dell’11 giugno 2013 la Piattaforma GIF per la presentazione della domanda di contributo sarà attiva dal 1° luglio 2013.

Agevolazioni:

Importi ammissibili: progetti da € 60.000 a € 400.000,00

Intensità di aiuto (contributo a fondo perduto) per progetti di ricerca industriale:

Micro/Piccola impresa: 70% – Media impresa: 60% – Grande impresa: 50%

Intensità di aiuto (contributo a fondo perduto) per progetti di sviluppo sperimentale:

Micro/Piccola impresa: 45% – Media impresa: 35% – Grande impresa: 25%

L’intensità del contributo a fondo perduto è maggiorabile del 15% (massimo 80% complessivo) in caso di:

1) collaborazione effettiva fra almeno due imprese indipendenti e:— nessuna impresa sostiene da oltre il 70 % dei costi;— il progetto prevede la collaborazione con almeno una PMI o viene realizzato in almeno due Stati membri
2) collaborazione effettiva tra impresa e un organismo di ricerca e:— l’organismo di ricerca sostiene almeno il 10 % dei costi— l’organismo di ricerca ha il diritto di pubblicare i risultati dei progetti
3) nel caso della ricerca industriale, i risultati del progetto sono ampiamente diffusi attraverso convegni o tramite pubblicazioni in riviste tecniche e scientifiche o inseriti in banche dati di libero accesso o divulgati tramite software libero o open source.

Progetti Ammissibili:

Progetti che vedano la partecipazione di un partenariato composto almeno da un partner veneto e da un partner estero (impresa oorganismo di ricerca) appartenente a uno degli Stati membri dell’Unione europea.

Progetti di ricerca ammissibili (a titolo esemplificativo):
Attività di ricerca industriale che, partendo dallo status quo aziendale, portino:
– all’acquisizione di nuove conoscenze per la messa a punto di nuovi prodotti, processi o servizi;
– all’acquisizione di nuove conoscenze volte a migliorare notevolmente prodotti, processi o servizi esistenti;
– alla creazione di componenti di sistemi complessi ad esclusione dei prototipi

Progetti di sviluppo sperimentale ammissibili (a titolo esemplificativo):
– per la produzione di piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi,modificati o migliorati;
– per la definizione concettuale, pianificazione e documentazione concernente nuovi prodotti, processi e servizi;
– per l’elaborazione di progetti, disegni piani e altra documentazione, non destinati aduso commerciale;
– per la realizzazione di prototipi utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota destinati a esperimenti tecnologici e/o commerciali.

Criteri di valutazione dei progetti

I progetti verranno valutati sulla base di ciascun punto contenuto nelle seguenti 7 macroaree. Ciascun criterio verrà attribuito un punteggio 2 = buono, 1 = sufficiente, 0 = insufficiente/non pertinente. Ai fini dell’ammissibilità il progetto deve raggiungere un punteggio minimo di 16/26. I criteri nelle macroaree a, c ed f devono ottenere un punteggio diverso da 0.

a Contenuto tecnico

  • Pertinenza con gli obiettivi del bando (>0)
  • Carattere innovativo in relazione alla situazione aziendale (>0)
  • Contributo al progresso della conoscenza e della tecnologia (>0)

b Valore aggiunto

  • Valore aggiunto generato dalla cooperazione interregionale

c Partenariato

  • Eccellenza dei partner coinvolti (>0)
  • Qualità del partenariato nel suo insieme (complementarità ed equilibrio) (>0)

d Work plan

  • Efficacia della metodologia
  • Adeguatezza e fattibilità del piano di lavoro

e Budget

  • Adeguatezza del bilancio e di altre risorse
  • Adeguata distribuzione delle risorse

f Impatto

  • Impatto potenziale sui partner (compreso il mercato e la competitività) (>0)

g Sfruttamento dei risultati

  • Mercato potenziale per i risultati del progetto
  • Adeguatezza del piano di sfruttamento

La modalità a sportello non prevede la stesura di una graduatoria sulla base del punteggio assegnato. Saranno ammessi i progetti che otterranno il punteggio minimo di 16/26 punti seguendo l’ordine cronologico di presentazione delle domande, fino ad esaurimento de
i fondi stanziati.

Ambito Territoriale:

PMI singole o associate in RTI costituito esclusivamente per lo svolgimento del progetto.

Possono presentare domanda anche grandi imprese facenti parte di un RTI composto da PMI e che dimostrino l’effetto di incentivazione della loro partecipazione al progetto (Vedi art. 8 regolamento CE 800/2008).

Settore:

Codici ATECO 2007 ammessi:

  • C Attività manifatturiere;·
  • D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
  • E Fornitura di acqua; reti fognarie; attività di gestione dei rifiuti erisanamento;·
  • F Costruzioni;
  • H Trasporto e magazzinaggio, con l’esclusione dei trasporti di merci sustrada e servizi di trasloco (Cod. ATECO 2007 49.4);
  • J Servizi di informazione e comunicazione;
  • M Attività professionali, scientifiche e tecniche, con l’esclusione dellacategoria 69 (Attività legali e contabilità).

Scadenza del Bando:

A sportello fino a esaurimento dei fondi stanziati (Apertura il 01 luglio 2013) – Fondi stanziati: € 6.445.387,82

Tipologie Spese:

Sono ammissibili le seguenti categorie di spesa:

  1. a) personale direttamente impiegato nel progetto (ricercatori e tecnici);
  2. b) acquisto di strumenti e attrezzature utilizzate per il progetto e per la sua durata;
  3. c) costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, acquisiti oottenuti in licenza da fonti esterne;
  4. d) spese generali supplementari direttamente imputabili al progetto di ricerca (max 5%);
  5. e) altri costi diretti, ovvero costi per l’acquisizione di materiali e lavorazioni direttamente imputabili all’attività di ricerca o alla realizzazione dei prototipi e/oimpianti pilota (max 10% del costo totale delprogetto;
  6. f) costi per la certificazione della spesa;
  7. g) costi per la fideiussione necessaria per l’ottenimento dell’anticipazione;
  8. h) spese di viaggio e soggiorno, organizzazione e partecipazione ad incontri del progetto, anche esteri.

Durata:

I progetti dovranno avere una durata massima di 18 mesi. Termine ultimo per la rendicontazione delle spese è il 31/05/2015

Tipo di Agevolazione:

I finanziamenti sono erogati nel rispetto del Regolamento (CE) n. 800 del 6 agosto 2008, che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato comune

A chi:

Le imprese interessate dovranno presentare la domanda dicontributo seguendo la procedura informatizzata tramite portale GIF, accessibile all’indirizzo https://gifweb.venetoinnovazione.it/gifweb

L’inoltro della domanda cartacea dovrà avvenire, entro 5 giorni dalla conferma della domanda inserita a portale GIF a mezzo raccomandata A/R, a:

Regione del Veneto – Unità di Progetto Cooperazione Transfrontaliera
Rio Novo, Dorsoduro 3494/A30123 Venezia

 

Nel sito della Regione Veneto potete trovare il bando completo e la modulistica di riferimento.

Sono disponibili le slides di presentazione del bando POR azione 5.1.1 illustrate durante l’incontro informativo del 29.05.2013 presso l’Unioncamere del Veneto.

http://www.venetoinnovazione.it/?q=511Slidespresentazionebando

Informiamo inoltre che è attivo un servizio di assistenza tecnica a disposizione dell’utenza per informazioni, approfondimenti e di supporto per la preparazione della documentazione progettuale.

Persone di contatto : Daniele Corò – Alessandra Scarpa – Tel. 041/928638 – e-mail innovazione@ecipa.eu  – scarpa@ecipa.eu