Secondo quanto stabilito dall’art. 2 della deliberazione n. 3/2014 del 24 ottobre 2014 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 254 del 31 ottobre 2014) le imprese iscritte all’Albo alla data del 31 dicembre 2014 debbono corrispondere, entro la stessa data, la quota relativa all’anno 2015 nella misura determinata dalla deliberazione stessa.

Il versamento della quota deve essere effettuato esclusivamente per via telematica tramite il Portale dell’Automobilista (previa registrazione al portale con profilo impresa), con le seguenti modalità: carta di credito VISA, Mastercard, carta prepagata PostePay o PostePay Impresa, conto corrente BancoPosta on line, per l’importo visualizzabile sul sito stesso e seguendo le istruzioni in esso reperibili.

Quanto agli importi da pagare, come gli anni scorsi la quota da versare si compone di tre parti:

1) la prima è la quota fissa che ciascuna impresa di autotrasporto di merci deve versare, indipendentemente dalla dimensione numerica del suo parco mezzi o dal tonnellaggio dei veicoli di cui è titolare;

2) la seconda è relativa alla quota dovuta da ogni impresa in relazione alla dimensione numerica del proprio parco veicolare, qualunque sia la massa dei veicoli con cui esercitano l’attività di autotrasporto;

3) la terza è relativa alla quota dovuta dall’impresa per ogni veicolo di massa complessiva superiore a 6.000 chilogrammi di cui la stessa è titolare.

La prova dell’avvenuto pagamento della quota relativa all’anno 2015 deve essere conservata dalle imprese, anche al fine di consentire i controlli esperibili da parte del Comitato centrale e/o delle competenti strutture provinciali.

Qualora il versamento non venga effettuato entro il termine stabilito l’iscrizione all’Albo sarà sospesa con la procedura prevista dall’art. 19, punto 3, della legge 6 giugno 1974, n. 298.