Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 195 del 23 agosto 2014, il Decreto interministeriale 3 giugno 2014, n. 120: “Regolamento per la definizione delle attribuzioni e delle modalità di organizzazione dell’Albo nazionale dei gestori ambientali, dei requisiti tecnici e finanziari delle imprese e dei responsabili tecnici, dei termini e delle modalità di iscrizione e dei relativi diritti annuali”. Il nuovo regolamento – in vigore dal 7 settembre 2014 –  (abrogato il precedente regolamento approvato con il D.M. 28 aprile 1998, n. 406). si pone gli obiettivi di:

– semplificare la gestione amministrativa, attraverso la previsione di procedure più snelle per le iscrizioni, le variazioni e i rinnovi delle iscrizioni;

– prevedere requisiti più stringenti per le imprese che decidono di iscriversi all’albo e, dunque, una maggiore qualificazione delle imprese e delle figure professionali coinvolte, come il responsabile tecnico (RT).

Tra le principali novità introdotte, segnaliamo:

1) razionalizzazione delle disposizioni relative ai requisiti soggettivi;

2) introduzione dell’obbligo della trasmissione telematica delle domande e delle comunicazioni;

3) introduzione dell’obbligo di aggiornamento quinquennale per il responsabile tecnico;

4) abrogazione dell’obbligo di dimostrare l’idoneità dei mezzi di trasporto mediante una perizia giurata;

5) riduzione della tempistica relativa all’espletamento del procedimento d’iscrizione e semplificazioni in

tema di comunicazione delle variazioni.

Definiti gli importi del diritto di iscrizione (diritti di segreteria previsti per il Registro imprese) e del diritto annuo. Non ancora determinati gli importi delle garanzie finanziarie a favore dello Stato e delle Regioni.