E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 305 del 31 dicembre 2013, il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 23 dicembre 2013, con il quale sono stati individuati i prodotti “carte valori”, ai sensi dell’art. 2, comma 10-bis, della L. 13 luglio 1966 n. 559 (Nuovo ordinamento dell’Istituto Poligrafico dello Stato).

Il decreto aggiorna l’elenco riportato dal decreto del 5 marzo 2004, introducendo gli ulteriori prodotti individuati sulla base di norme, disposizioni o provvedimenti e aventi i requisiti previsti dall’art. 17-bis del D.L. n. 69/2013, convertito dalla L. n. 98/2013.

Ricordiamo che, ai sensi del citato comma 10-bis – aggiunto dal citato art. 17-bis, comma 1, del D.L. n. 69/2013, nel testo integrato dalla legge di conversione n. 98/2013 – sono considerati “carte valori” i prodotti, aventi almeno uno dei seguenti requisiti:

a) sono destinati ad attestare il rilascio, da parte dello Stato o di altre pubbliche amministrazioni, di autorizzazioni, certificazioni, abilitazioni, documenti di identità e riconoscimento, ricevute di introiti, ovvero ad assumere un valore fiduciario e di tutela della fede pubblica in seguito alla loro emissione o alle scritturazioni su di essi effettuate;

b) sono realizzati con tecniche di sicurezza o con impiego di carte filigranate o similari o di altri materiali di sicurezza ovvero con elementi o sistemi magnetici ed elettronici in grado, unitamente alle relative infrastrutture, di assicurare un’idonea protezione dalle contraffazioni e dalle falsificazioni.

Tra i nuovi prodotti introdotti ricordiamo: le marche consolari, lo scontrino Gioco del Lotto, le etichette dei prodotti agricoli e alimentari, la Carta elettronica multiservizi Giustizia (CMG) e Carabinieri (CMCC), la Carta di qualificazione del conducente, la Patente card europea per macchinisti ferrovieri, le Etichette Visa Schengen, i Documenti di viaggio per Apolidi, per Stranieri, per Rifugiati, ecc.