Workshop “Organizzazione per il lavoro agile”

 

Dove: InfiniteArea – Via S. Gaetano 113/a – Montebelluna (TV)
Quando: 24 maggio 2018 dalle ore 09.00 alle 18.10
Iscrizioni gratuite: https://goo.gl/DesJ5d

Scopri il programma della giornata cliccando qui

 

Nell’ambito del progetto ROSE’n’BLUE, SIAV, in collaborazione con Ecipa, organizza un workshop dedicato all’organizzazione nel lavoro agile (Smart Working).

Da alcuni Osservatori sullo Smart Working, è stato evidenziato che:

“le organizzazioni devono evitare l’errore di farsi trascinare dall’effetto moda, introducendo un cambiamento solo superficiale, senza cogliere l’opportunità di ripensare profondamente cultura e modelli organizzativi per liberare nuove energie dalle persone. Fare davvero Smart Working è un percorso lungo e profondo di continua evoluzione. Significa andare oltre l’introduzione di singoli strumenti e creare un’organizzazione orientata ai risultati, fondata su fiducia, responsabilizzazione, flessibilità e collaborazione”.

Questo tema, apre opportunità e pone sfide, quali:

  • l’accompagnamento ad un cambiamento culturale che permetta il passaggio da un’impostazione che monitora la presenza sica del/la lavoratore/trice ad un modello organizzativo che permetta il controllo del raggiungimento di obiettivi concordati, attraverso la definizione di indicatori e delle modalità di aggiornamento continuo degli stessi;
  • il supporto all’abilità aziendale di condividere con i lavoratori strategia, valori, obiettivi e performance;
  • l’accompagnamento all’individuazione di quali figure possano effettivamente beneficiare in termini di produttività della maggiore flessibilità ed autonomia introdotta dal Lavoro Agile e conseguentemente alla verica di un bilanciamento di genere anche nell’identificazione di tali profili;
  • l’adeguamento delle strutture (e degli strumenti) IT per garantire sicurezza e privacy dei dati aziendali anche nel caso in cui vi si acceda da fuori ufficio;
  • l’adeguamento delle prassi per la garanzia della sicurezza e salute sul luogo del lavoro;
  • la definizione dei tempi lavorativi ovvero di “fasce orarie di disconnessione” per evitare il rischio di “schiavitù” da connessione permanente;
  • l’impatto della legislatura nazionale, gli effetti degli interventi a favore della conciliazione vita-lavoro attuati a livello regionale, il ruolo della contrattazione di secondo livello, il ruolo degli enti di formazione.

Data la complessità degli aspetti che saranno affrontati nel corso del workshop, è evidente la necessità di un confronto ed un contributo tra attori diversi quali le Parti Sociali dell’Industria, della Micro Impresa e delle Rappresentanze delle Donne, nonché con la stessa Regione del Veneto.