Obblighi formativi ex art. 37

Home / Sicurezza / Obblighi formativi ex art. 37

Nella Gazzetta Ufficiale n° 8 dell’11/01/2012 sono stati pubblicati due accordi della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni. Il primo accordo del 21/12/2011 dal titolo Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione dei lavoratori, ai sensi dell’articolo 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. riguarda la formazione obbligatoria che deve essere svolta da preposti, dirigenti nonché da tutti i lavoratori.

I corsi sono suddivisi in base alla tipologia del settore produttivo e della figura professionale che deve partecipare al percorso formativo. Gli aggiornamenti che devono essere comunque svolti entro 5 anni dall’erogazione del corso completo per ogni tipologia dei corsi.

Sono esentati dal partecipare ai corsi coloro che abbiano svolto la formazione obbligatoria ai sensi della precedente normativa, mentre coloro che danno avvio ad una nuova attività hanno 90 giorni di tempo per completare i percorsi formativi.
Per tutti gli altri casi, il datore di lavoro ha l’obbligo di avviare i lavoratori, i dirigenti e i preposti ai corsi di formazione previsti,
per i nuovi assunti gli adempimenti normativi dovranno essere assolti anteriormente o, dove questo non è possibile, contestualmente all’assunzione.

La formazione rivolta ai lavoratori sarà suddivisa in formazione generale, comune a tutti i settori produttivi, e formazione specifica riferita invece alle attività che vengono svolte. La prima ha una durata minima di 4 ore, mentre la durata della seconda varia dal rischio in base al settore produttivo dell’azienda partendo da un minimo di 4 ore, per i settori considerati a basso rischio, fino ad un minimo di 12 ore per i settori considerati a rischio elevato.

Ecipa supporta le aziende ed i lavoratori nell’erogazione di tali corsi.

Per informazioni: assistenza(@)ecipa.eu