Il progetto “ATENA, recupero e innovazione delle arti e dei mestieri a Venezia: fabbri, ceramisti, vetrai” coinvolge alcuni tra i mestieri antichi più rappresentativi dell’arte veneziana, scelti, proprio per la loro valenza storica ed economica. Questo progetto è finalizzato a tramandare e valorizzare in ottica innovativa questi mestieri mediante l’apporto di nuove leve, adeguatamente formate, e attraverso la costruzione di una rete tra soggetti diversi interessati a creare valore comune e maggior sostenibilità a livello locale. Una delle finalità del progetto è creare le condizioni per favorire l’occupazione di persone in condizioni di svantaggio (dove il 1° svantaggio è lo status di disoccupazione) che siano motivate ad apprendere lavori artistici e tradizionali basati sul “saper fare con le mani e con il cuore”, allo scopo di poter dare un contributo attivo per il recupero e la valorizzazione di mestieri antichi , in risposta al concreto rischio di perdita dell’immenso patrimonio di conoscenze, tecniche e tradizione che essi rappresentano.

Chi stiamo cercando?  DISOCCUPATI (privi di lavoro e immediatamente disponibili allo svolgimento di attivitĂ  lavorativa) e  SVANTAGGIATI (secondo le definizioni Reg. UE n.651/201 e L.381/1991) senza lavoro che  desiderino apprendere un lavoro tradizionale, artistico e creativo, basato sul “saper fare con le mani”

Che attività sono previste? I disoccupati selezionati parteciperanno a un insieme di  interventi integrati tra loro che formano un ambiente di apprendimento complesso e stimolante: formazione, tirocini, laboratorio creativo, visite di studio, workshop tematici, project work per l’avvio di attività autonoma.

Dove si svolgono le attività? Venezia, isole e terraferma, in particolare il tirocinio (4 mesi) verrà svolto presso la le botteghe artigiane che partecipano al progetto (3 fabbri, 1 ceramista, 1 vetraio)

Quando partirĂ  il progetto? il 15 settembre con un workshop introduttivo che è l’occasione per presentare il progetto, seguirĂ  la selezione dei destinatari disoccupati  che si candidano  per svolgere il percorso di apprendimento on the job

Quali sono gli obiettivi del progetto? Far apprendere mestieri antichi e della tradizione a persone motivate e disoccupate, in modo da creare per loro opportunitĂ  di inserimento lavorativo presso la bottega artigiana in cui viene svolto il tirocinio, o sostenerle nell’avvio di un’ attivitĂ  autonoma, e in parallelo  favorire il recupero e l’innovazione di mestieri antichi e tradizionale in modo da garantirne  la sostenibilitĂ  nel tempo  e valorizzarne il patrimonio di conoscenze e competenze tecniche e tradizione che rappresentano

E’ prevista un’indennitĂ  di frequenza? La partecipazione al progetto è gratuita, inoltre per l’intervento di TIROCINIO (4 mesi) è prevista un’indennitĂ  di frequenza pari a 3 € ora/partecipante  con attestazione ISEE superiore a 20.000 euro / da  un minimo di 6 € ora/partecipante  fino a un massimo di 8 € ora/partecipante con attestazione ISEE inferiore a 20.000 euro (a seconda del budget disponibile in base all’effettiva composizione del gruppo di destinatari)

Come fare per partecipare? I candidati, che devono essere residenti o domiciliati in Veneto e iscritti al Centro per l’Impiego di competenza come DISOCCUPATI, devono presentare la documentazione richiesta SPECIFICATA NEL BANDO DI SELEZIONE entro e non oltre  il 27 settembre 2017 

Per approfondire: