Aree di attività

Resta aggiornato

I-BID

BIG DATA

I-BID è un progetto che propone un modello di internazionalizzazione che punta sui BIG DATA per un impatto efficace delle aziende Venete sul mercato globale 4.0 e che intende promuovere incontri con aziende estere per favorire business networking, supportare mobilità formativa e visite, che coinvolge Università e networking internazionali, e un organismo accreditato MIUR per attestare la conoscenza delle lingua inglese per creare tutti i presupposti dell’impresa futura.

I-BID: l’internazionalizzazione con i BIG DATA un nuovo modello di business

I Big Data sono un argomento interessante per molte aziende, le quali negli ultimi anni hanno investito su questa idea, finanziando lo sviluppo di software per gestione dei dati e analisi. Infatti  le economie più forti hanno necessità  di analisi basate su  enormi quantità di dati: basti pensare che ci sono oltre 4,6 miliardi di smartphone attivi e circa 2 miliardi di persone hanno accesso a Internet.
La rivoluzione portata dai big data sta investendo il mondo del business a 360 gradi, così che SEMPRE PIÙ AZIENDE PER CREARE/SUPPORTARE LA PROPRIA RETE COMMERCIALE ALL’ESTERO DEVONO IMPARARE AD AVVALERSI DI STRUMENTI DI ANALISI DEI DATI PER MIGLIORARE IL FUNNEL DI VENDITA.

Dal sondaggio Big Data Survey 2015 è emerso che le aziende sono consapevoli delle possibilità offerte dai Big Data, ma non sono sempre in grado di operare in un’ottica data-driven, concentrandosi più sull’analisi
che sulle previsioni in tempo reale. (Il modo in cui le aziende utilizzano l’ICT è una leva fondamentale per lo sviluppo all’estero). Il gap più importante tra Pmi venete e internazionalizzazione è l’assenza di un modello che preveda l’utilizzo di competenze ICT, di BIG data e di strategie adeguate per puntare su un mercato attrattivo grazie a nuove forme di conoscenza aziendale (clenti, prodotti, concorrenti, etc.) e degli eventi di business (trasporti, ordini, pagamenti, frodi, etc.).
La Pmi che cerca informazioni di mercato prende pezzi di notizie da diverse istituzioni in maniera più o meno diretta; a volte, addirittura, i dati sono contraddittori con un’obsolescenza di 24-36 mesi.